Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Comune di CastenasoCittà di Castenaso

Strumenti personali

This is SunRain Plone Theme

Sezioni

Tu sei qui: Home / News / Cimice asiatica: teniamola fuori dalle nostre case! Cosa fare per contrastarla

Cimice asiatica: teniamola fuori dalle nostre case! Cosa fare per contrastarla

creato da Admin298 ultima modifica 30/10/2019 13:22
La cimice non è pericolosa per l'uomo, non punge e si nutre di piante. Per eliminarle, consigliabile impiegare esclusivamente metodi naturali

La cimice asiatica (Halyomorpha halys) è un insetto segnalato per la prima volta in Italia nel 2012 che, nel corso dell’estate 2015, ha causato danni importanti su pero e su pesco negli areali produttivi delle province di Modena, Reggio Emilia e Bologna.

È importante evitare che proliferi nelle nostre case con alcuni semplici accorgimenti.

Dalla fine dell’estate e per tutto l’autunno può creare disagi alla popolazione perché con l’arrivo dei primi freddi ha l’abitudine di aggregarsi, per passare l’inverno, all’interno di edifici come abitazioni, magazzini e garage.

È importante sottolineare che la cimice asiatica non è pericolosa per l'uomo, non punge e si nutre di piante.

Per eliminare le cimici presenti negli ambienti ad uso abitativo è consigliabile impiegare esclusivamente metodi naturali senza ricorrere all’uso di insetticidi che risultano poco efficaci, necessitano di ripetute applicazioni e, se utilizzati in modo incontrollato nelle case, possono divenire dannosi per le persone. Possono però essere utilizzati per il trattamento della parte esterna degli infissi, nei cassonetti dei serramenti solo se si lascia l’abitazione per alcuni giorni, o in ambienti non abitativi in cui non vi siano prodotti alimentari, come magazzini, solai o garage.

Ecco alcune strategie di controllo, preventive e di contenimento, suggerite dal Servizio Fitosanitario della Regione Emilia-Romagna.

 

Cosa fare per impedire l'ingresso delle cimici nelle abitazioni:

• collocare zanzariere o reti anti-insetto alle finestre, attorno ai comignoli dei camini non in uso, sulle prese d'aria e alle finestre dei sottotetti;

• sigillare, dove possibile, crepe, fessure e tutti quegli accessi che consentono il passaggio delle cimici quali tubazioni, canalizzazioni, feritoie, profilati ed altre aperture.

Cosa fare per eliminare gli ospiti indesiderati:

• utilizzare strumenti di pulizia per la casa che emettono vapore per stanare gruppi di cimici annidate in cassonetti, infissi, tubature, ecc.

• utilizzare l'aspirapolvere per raccogliere le cimici che si trovano in posti più facilmente raggiungibili (soffitti, verande) o dopo averle stanate col vapore. E' possibile usare anche bombolette di ghiaccio spray per fare cadere le cimici a terra.

 

Le cimici raccolte non vanno liberate all'esterno, ma vanno eliminate immediatamente!

• Si consiglia, a tal proposito, di immergere il contenitore utilizzato per raccoglierle in una bacinella d'acqua saponata per alcuni minuti. Il sapone impedisce loro di galleggiare causandone il rapido annegamento. In seguito, le cimici morte possono essere smaltite nei contenitori dell’organico.

 

Le cimici raccolte non vanno liberate all’esterno per impedire che si vadano ad annidare in altri edifici e che la primavera successiva ritornino in campagna a danneggiare le coltivazioni e non vanno mai buttate nel water in quanto l’acqua presente, se non saponata, non è sufficiente per annegarle.

 

 

archiviato sotto:
« dicembre 2019 »
dicembre
lumamegivesado
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031