Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Comune di CastenasoCittà di Castenaso

Strumenti personali

This is SunRain Plone Theme

Sezioni

Tu sei qui: Home / News / Precisazioni dell'Amministrazione Comunale di Castenaso sui malori dei bambini alla scuola Nasica

Precisazioni dell'Amministrazione Comunale di Castenaso sui malori dei bambini alla scuola Nasica

creato da Admin298 ultima modifica 13/02/2018 12:54
Nella prima rilevazione del pomeriggio di lunedì, quindi in serata, infine nel primo mattino di martedì 30, non è stata rilevata alcuna traccia di monossido di carbonio; in assenza totale anche di possibili generatori di inquinamento

«Lipotimia. È esclusa per tutti l'ipotesi di intossicazione». Il Dipartimento di Sanità Pubblica dell'Azienda USL di Bologna, precisamente la dirigenza dell'Unità Operativa Igiene e Sanità Pubblica Ovest, taglia corto sulle ragioni che avrebbero provocato i malesseri a 7 alunni della Scuola Primaria 'Nasica' di Castenaso, nella giornata di lunedì 29 gennaio.

Da subito si è attivato il Comune, che è intervenuto in tre sopralluoghi condotti dell'Area Tecnica con il Sindaco Stefano Sermenghi, assieme ai Vigili del Fuoco. Nella prima rilevazione del pomeriggio di lunedì, quindi in serata, infine nel primo mattino di martedì 30, non è stata rilevata alcuna traccia di monossido di carbonio; in assenza totale anche di possibili generatori di inquinamento. La caldaia per il riscaldamento, infatti, è posizionata all'esterno dell'edificio scolastico.

I 7 ragazzi sono stati sottoposti agli accertamenti necessari, divisi tra il Policlinico Sant'Orsola, e l'ospedale Maggiore: tutti sono stati dimessi in poche ore, con concentrazioni nel sangue di monossido di carbonio perfettamente nella norma.

 «Né da parte dei sanitari, né dei Vigili del Fuoco è stata inoltrata al Dipartimento di Sanità Pubblica alcuna segnalazione — sottolinea il sindaco Sermenghi —.  L'Azienda USL ha riferito ai nostri tecnici che verosimilmente si sono create condizioni nell'aula tali da creare degli episodi lipotimici. In pratica è mancato l'ossigeno e alcuni bimbi hanno avuto delle difficoltà». 
Per queste ragioni non si è ravvisata nessuna necessità di intervento da parte del Dipartimento Ausl, che parla perciò di «diagnosi tranquillizzante».

archiviato sotto: