Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Comune di CastenasoCittà di Castenaso

Strumenti personali

This is SunRain Plone Theme

Sezioni

Tu sei qui: Home / News / AVVISO - Referendum Costituzionale 4 dicembre 2016, urne aperte dalle 7 alle 23 - Guida al voto

AVVISO - Referendum Costituzionale 4 dicembre 2016, urne aperte dalle 7 alle 23 - Guida al voto

creato da Admin298 ultima modifica 06/12/2016 08:15
Domenica 4 dicembre 2016 gli italiani saranno chiamati alle urne per il referendum confermativo della legge di riforma costituzionale pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 88 del 15 aprile 2016. Tutte le indicazioni per votare a Castenaso

Domenica 4 dicembre 2016, unico giorno di votazioni, avrà luogo il referendum popolare confermativo avente ad oggetto il seguente quesito referendario:

"Approvate il testo della legge costituzionale concernente “disposizioni per il superamento del bicameralismo paritario, la riduzione del numero dei parlamentari, il contenimento dei costi di funzionamento delle istituzioni, la soppressione del CNEL e la revisione del titolo V della parte II della Costituzione” approvato dal Parlamento e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 88 del 15 aprile 2016?"

 

I cittadini italiani, iscritti nelle liste elettorali del Comune di Castenaso, che abbiano compiuto il diciottesimo anno di età entro il 4 dicembre 2016 dovranno recarsi presso il proprio seggio di appartenenza.

 

Si vota soltanto domenica 4 dicembre 2016 dalle ore 7 alle ore 23

Potranno votare tutti i cittadini italiani aventi diritto, che avranno compiuto il 18° anno di età al 4 dicembre 2016.

Potranno inoltre votare nel Comune di Castenaso , anche se iscritti nelle liste elettorali di altro comune della Repubblica, i militari e appartenenti a corpi militari, Forze di polizia e al Corpo nazionale dei vigili del fuoco.

 

  • Documenti necessari per votare:

• la tessera elettorale.
• un documento di riconoscimento valido (un documento rilasciato da una pubblica amministrazione munito di fotografia quale: carta d'identità, patente di guida, passaporto, tessere di riconoscimento rilasciate da Ordini professionali ecc.).

 

  • Tessera elettorale

Gli elettori sono invitati a voler verificare sin d’ora se sono in possesso di tale documento e, in mancanza, possono richiedere il rilascio di una nuova tessera o di un duplicato presso l’Ufficio elettorale negli orari di apertura al pubblico.

Nei 2 giorni precedenti le elezioni sarà osservato il seguente orario:


Venerdì 2 dicembre dalle 9 alle 18
Sabato 3 dicembre dalle 9 alle 18
Domenica 4 dicembre dalle 7 alle 23
(per tutta la durata delle operazioni di voto)

In caso di:
SMARRIMENTO o FURTO della tessera: il duplicato viene rilasciato dall'ufficio elettorale su domanda del titolare, corredata da una dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà attestante il furto o lo smarrimento che viene compilata presso l’ufficio;

DETERIORAMENTO della tessera: quando la tessera elettorale è inutilizzabile a causa del deterioramento, il titolare deve presentare domanda all'ufficio elettorale, che rilascia un duplicato e ritira l'originale deteriorato.


TRASFERIMENTO di residenza: il Comune di nuova residenza consegna al titolare una nuova tessera elettorale e ritira quella rilasciata dal Comune di precedente residenza. In caso di trasferimento di residenza all'interno del territorio comunale che comporti il cambio del seggio di votazione, l'elettore riceve una comunicazione di recarsi presso l’ufficio elettorale per apporre un'etichetta sulla tessera con l'indicazione del nuovo indirizzo e del nuovo seggio dove recarsi a votare.


ESAURIMENTO DEGLI SPAZI DISPONIBILI: se gli spazi per l’apposizione del timbro di avvenuta votazione sono esauriti occorre rivolgersi all'ufficio elettorale che provvederà a rilasciare una nuova tessera.


ATTENZIONE: se l'interessato non può presentarsi personalmente all’ufficio può farlo un famigliare.
Nel caso invece si presenti una persona estranea alla famiglia, occorre un'apposita delega con allegata copia del documento di identità.

 

  • Assistenza al voto

Per il voto assistito: gli elettori fisicamente impossibilitati ad esprimere il proprio voto autonomamente per motivi fisici, possono chiedere di esprimere il voto con l’assistenza di un elettore della propria famiglia o un altro elettore liberamente scelto, purché sia iscritto nelle liste elettorali di un qualsiasi Comune della Repubblica.
L’elettore fisicamente impedito può essere ammesso al voto quando ricorra una delle seguenti condizioni:
1) l’impedimento fisico è evidente ( ciechi , amputati delle mani, affetti da paralisi.ecc..)
2) sulla tessera elettorale del portatore di handicap è apposto dal comune un timbro con la sigla “AVD”
3) l’elettore è in possesso di libretto nominativo di pensione di invalidità civile in cui sono riportati i seguenti codici attestanti la cecità assoluta: 10 -11- 15 - 18 -19 - 06 – 07.
4) l’elettore esibisce un certificato medico rilasciato ASL attestante che l’infermità fisica gli impedisce di esprimere il voto senza l’aiuto di un altro elettore.

 

  • Trasporto ai seggi

Il Comune di Castenaso organizza un servizio di trasporto per quegli elettori che hanno difficoltà a raggiungere il proprio seggio dalle ore 14 alle ore 18 di domenica 4 dicembre 2016. Per informazioni si prega di contattare il centralino al n. 051-6059111.

 

  • Agevolazioni di viaggio

Per gli elettori che devono raggiungere il Comune di iscrizione nelle liste elettorali sono previste agevolazioni. Per informazioni si prega di contattare l’ufficio elettorale.

 

  • Voto a domicilio

Il voto a domicilio interessa:
- gli elettori affetti da gravi infermità che si trovino in condizioni di dipendenza continuativa e vitale da apparecchiature elettromedicali tali da impedirne l'allontanamento dall'abitazione in cui dimorano
- gli elettori affetti da gravissime infermità, tali che l'allontanamento dall'abitazione in cui dimorano risulti impossibile, anche con l'ausilio dei servizi di cui all'articolo 29 della legge 5 febbraio 1992, n. 104. Possono richiedere di votare a domicilio anche coloro che risiedono in un Comune diverso da quello di iscrizione elettorale.
La richiesta deve essere sempre presentata al Sindaco del comune nelle cui liste elettorali si risulta iscritti. I cittadini interessati dovranno fare pervenire apposita dichiarazione all’Ufficio Elettorale nel periodo dal 40° e il 20° giorno antecedente la data di votazione o comunque in tempo utile per potere valutare le esigenze ed organizzare il servizio. Per informazioni si prega di contattare l’ufficio elettorale.

 

Elettori fuori residenza a causa del terremoto
 
L'art. 10 del decreto legge 11 novembre 2016, n. 205, prevede che in occasione del Referendum costituzionale del 4 dicembre 2016, gli elettori residenti nei comuni colpiti dagli eventi sismici successivi al 24 agosto, che sono temporaneamente alloggiati in comuni diversi da quelli di residenza per motivi di inagibilità della propria abitazione o per provvedimenti di emergenza, possono essere ammessi a votare nel comune di attuale dimora.
Per gli elettori temporaneamente presenti a Castenaso è necessario che presentino entro martedì 29 novembre prossimo apposita domanda con allegata copia di un documento di riconoscimento nonché della tessera elettorale personale o la dichiarazione di smarrimento della stessa, direttamente all’Ufficio elettorale oppure tramite:
1. posta elettronica all’indirizzo: demografici@comune.castenaso.bo.it
2. posta elettronica certificata (pec): comune.castenaso@cert.provincia.bo.it
3 fax al n. 051/6059292

Il modello di domanda di ammissione al voto e altre informazioni possono essere reperiti presso l’Ufficio elettorale del comune o scaricati direttamente dal sito internet :
http://www.interno.gov.it/notizie/referendum-costituzionale-istruzioni-voto-nei-comuni-terremotati

 

 

 

Elettori residenti all'estero ed iscritti nell'AIRE

Gli elettori residenti all’estero ed iscritti nell’AIRE (Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero) riceveranno come di consueto il plico elettorale al loro indirizzo di residenza. Qualora l’elettore non lo ricevesse potrà sempre richiederne il duplicato all’Ufficio consolare di riferimento. Si ricorda che è onere del cittadino mantenere aggiornato l’Ufficio consolare competente circa il proprio indirizzo di residenza.

Chi invece, essendo iscritto nell’AIRE, intende votare in Italia, dovrà far pervenire all’Ufficio consolare competente per residenza (Ambasciata o Consolato) un’apposita dichiarazione su carta libera che riporti: nome, cognome, data e luogo di nascita, luogo di residenza, indicazione del comune italiano d'iscrizione all'anagrafe degli italiani residenti all'estero, l'indicazione della consultazione per la quale l'elettore intende esercitare l'opzione.

La dichiarazione deve essere datata e firmata dall'elettore e accompagnata da fotocopia di un documento di identità dello stesso e può essere inviata per posta, telefax, posta elettronica anche non certificata, oppure fatta pervenire a mano all’Ufficio consolare, anche tramite persona diversa dall’interessato,entro il 2 novembre 2016, con possibilità di revoca entro lo stesso termine.

 

Elettori temporaneamente all’estero

Gli elettori italiani che per motivi di lavoro, studio o cure mediche si trovano temporaneamente all’estero per un periodo di almeno tre mesi nel quale ricade la data di svolgimento del Referendum, nonché i familiari con loro conviventi, potranno partecipare al voto per corrispondenza organizzato dagli uffici consolari italiani (legge 459 del 27 dicembre 2001, comma 1 dell’art. 4-bis), ricevendo la scheda al loro indirizzo all’estero.

Per partecipare al voto all’estero, tali elettori dovranno - entro il 2 novembre 2016 - far pervenire al Comune d’iscrizione nelle liste elettorali un’apposita opzione. È possibile la revoca entro lo stesso termine.

In considerazione dell'esigenza di garantire l'esercizio del diritto di voto costituzionalmente tutelato, i comuni considereranno valide le opzioni che perverranno entro il trentaduesimo giorno antecedente la votazione 2 novembre p.v.)

Si ricorda che l’opzione è valida solo per il voto cui si riferisce (ovvero, in questo caso, per il Referendum del 4 dicembre 2016).

L'opzione può essere inviata per posta, telefax, posta elettronica anche non certificata oppure fatta pervenire a mano al Comune anche da persona diversa dall'interessato.

La dichiarazione di opzione, può essere fatta su un apposito modello di cui si allega copia corredata obbligatoriamente da un documento valido dell'elettore.

 

« dicembre 2019 »
dicembre
lumamegivesado
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031