Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Comune di CastenasoCittà di Castenaso

Strumenti personali

This is SunRain Plone Theme

Sezioni

Tu sei qui: Home / Aree Tematiche / Animali / Oasi felina: compiti del gestore

Oasi felina: compiti del gestore

creato da Daniele Passeri ultima modifica 22/01/2016 09:05
Il soggetto individuato come gestore e scelto tra le associazioni zoofile animaliste senza fini di lucro di cui all'art. 1 comma 2 della L.R. 27/2000, garantisce il perseguimento degli obiettivi del Regolamento comunale, approvato con Delibera di Giunta n. 123 del 15/10/2015

Ai sensi del Regolamento per la gestione del gattile municipale e dei servizi correlati di tutela e controllo della popolazione felina che vive in libertà sul territorio comunale, approvato con Delibera di Giunta n. 123 del 15/10/2015, il soggetto individuato come gestore e scelto tra le associazioni zoofile animaliste senza fini di lucro di cui all'art. 1 comma 2 della L.R. 27/2000, garantisce il perseguimento degli obiettivi del Regolamento stesso, nel rispetto delle norme di riferimento  e delle prescrizioni di cui al vigente Regolamento comunale di Igiene.

Il soggetto gestore, in particolare, collabora con il Comune, con la Città Metropolitana, con l'ASL e con gli organismi di volontariato operanti nel settore, per l'espletamento delle rispettive competenze previste dalla L.R. Emilia-Romagna n. 27/2000.

All'affidatario della gestione, sulla base degli strumenti contrattuali definiti per l'affidamento, sono attribuiti i seguenti compiti:

a) la cattura dei gatti da sterilizzare, ai sensi dell'art. 23 e dell'art. 29 comma 5 della L.R. 27/2000, la degenza pre e post operatoria e il reinserimento degli stessi nella colonia di provenienza;

b) il recupero, anche nelle giornate festive e nelle ore notturne, dei gatti incidentati o feriti, 24h su 24, di cui non sia individuata la proprietà al momento della richiesta di intervento;

c) il trasporto immediato alla struttura degli animali catturati o recuperati e il loro ricovero in condizioni di sicurezza per le persone e per gli altri animali; nel caso siano in pericolo di vita, su indicazione del veterinario, il trasporto immediato alla struttura in cui si effettua l'assistenza veterinaria;

d) il servizio di custodia diurna, notturna e festiva, degli animali nella struttura, in condizioni tali da garantirne il benessere;

e) la gestione della struttura e di quanto necessario al suo funzionamento , per assicurarne la sicurezza igienico sanitaria, attraverso l'esecuzione diretta, o la collaborazione e supervisione, in caso di affidamento ad altri operatori, della pulizia giornaliera, degli interventi di disinfestazione e disinfezione opportuni o prescritti, dello smaltimento dei rifiuti, come previsto dalla legge e dal vigente regolamento di Igiene;

f) la corretta conduzione e cura del funzionamento degli impianti, delle attrezzature e dei mezzi affidati o comunque in uso;

g) la custodia dei documenti e dei certificati relativi alla struttura e alle sue attrezzature ed impianti, la segnalazione tempestiva al Comune degli eventuali problemi che possono verificarsi;

h) l’accudimento degli animali ospitati provvedendo a tutte le loro necessità, riferite, in particolare, all'alimentazione, alla disponibilità di acqua pulita, alla rimozione delle deiezioni e della sporcizia;

i) l'isolamento, qualora prescritto, quando l'animale sia in osservazione sanitaria;

j) la comunicazione al Servizio Veterinario dell'Azienda USL o al Veterinario addetto all’assistenza sanitaria, ognuno per le proprie competenze, del sospetto di malattia dei gatti ospiti e di ogni altra circostanza che ne richieda l'intervento;

l) l’assistenza ai veterinari in tutte le operazioni sanitarie; la somministrazione dei farmaci prescritti; la messa a disposizione dell'animale e l'attenzione affinché non sia, per qualunque motivo, sottratto ai controlli disposti per fini diagnostici, nell'ipotesi di malattie infettive trasmissibili all'animale o all'uomo;

m) il trattamento delle spoglie degli animali deceduti o soppressi, il loro incenerimento, con le modalità previste dal Regolamento comunale di Igiene;

n) l’aggiornamento costante delle schede individuali di ciascun gatto ospite sulle quali sono riportati i dati degli animali e gli interventi, sanitari e non che li riguardano;

o) la tenuta e l'aggiornamento quotidiano della puntuale e tempestiva registrazione cronologica di entrata e uscita degli animali e della documentazione connessa;

p) l'organizzazione a proprie spese dell'attività di assistenza veterinaria, compresa l'attuazione degli interventi chirurgici necessari. Permettere ai veterinari del Servizio Veterinario dell'Azienda USL l'accesso all'ambulatorio della struttura per effettuare le sterilizzazioni previste ai sensi dell'art. 23 della L.R. 27/2000;

q) la fornitura all'Anagrafe Canina del Comune dei dati inerenti la gestione anagrafica (ogni gatto presente in struttura deve essere microchippato e iscritto all'Anagrafe Canina) e la collaborazione con la stessa per i procedimenti di identificazione, le rinunce, le catture, le ricerche dei proprietari, e di tutti i dati e informazioni utili all'attività dell'Anagrafe Canina;

r) la sollecita ricerca ed individuazione dei proprietari degli gatti smarriti e ricoverati in struttura, l'avviso di ritrovamento dei loro animali e la riconsegna;

s) la richiesta e riscossione al momento della riconsegna dell'animale al proprietario o al momento della rinuncia alla proprietà dell'animale, delle tariffe dovute e del rimborso delle spese sostenute, così come previsto al precedente articolo 1 lett.f), con rilascio di regolare ricevuta;

t) la segnalazione all'Anagrafe Canina del mancato recupero, senza valido motivo, dell'animale da parte del proprietario già avvertito, e agli uffici competenti del Comune di eventuali ulteriori inadempienze, passibili di sanzioni, da parte dei proprietari;

u) la cura della relazione con i visitatori e gli aspiranti affidatari, con offerta di adeguata assistenza e informazione sulle caratteristiche degli animali presi in considerazione, in orari determinati e pubblicizzati, concordati con il Comune, che tengano conto prioritariamente delle esigenze degli animali;

v) l’adozione di ogni misura utile a facilitare l'accesso dei proprietari per il riconoscimento degli animali;

w) il censimento delle colonie feline libere e la cattura dei soggetti da sterilizzare;

x) l'allattamento e lo svezzamento delle cucciolate abbandonate.