Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Comune di CastenasoCittà di Castenaso

Strumenti personali

This is SunRain Plone Theme

Sezioni

Tu sei qui: Home / News / “Da cosa nasce cosa”

“Da cosa nasce cosa”

creato da Castenaso admin ultima modifica 27/02/2014 15:34
Al via nel nostro Comune la nuova campagna di comunicazione sulla raccolta differenziata che coinvolge scuole, associazioni ed esercizi commerciali in collaborazione con i Comuni di San Lazzaro di Savena e Ozzano dell'Emilia
“Da cosa nasce cosa”

immagine campagna pubblicitaria “Da cosa nasce cosa”

 
Siamo qui, ancora una volta, a parlare del modo corretto di differenziare i rifiuti. Che poi, nella stragrande maggioranza dei casi, non è di rifiuti che si tratta: quello che gettiamo con troppa disinvoltura nel cassonetto grigio dell’indifferenziato, infatti, sono materiali e non spazzatura. Uno spreco di risorse e di energia che non possiamo più permetterci.
Per sensibilizzare i cittadini di Castenaso, Ozzano dell’Emilia e San Lazzaro di Savena a differenziare di più e meglio i rifiuti – attualmente le percentuali di raccolta differenziata  sono attestate tra un 42% e un 47% quindi ci sono ampi margini di miglioramento – parte una nuova campagna di comunicazione.
Con il vetro usato si può fare del vetro nuovo, e dopo averlo usato, si può fare altro vetro nuovo e così via, riciclando senza fine e questo vale anche per l’alluminio, la carta, gli oggetti di plastica, per non parlare dei rifiuti organici che
diventano ottimo compost. È per questo che la campagna di informazione e sensibilizzazione sulla raccolta differenziata
che i tre comuni promuovono si intitola “RICICLA” – da cosa nasce cosa” ed ha per simbolo un segno che richiama l’infinito.
Utilizzando un linguaggio, testuale e visivo, leggero e diretto, ironico e accattivante, strumenti tradizionali
come locandine e pieghevoli informativi, incontri pubblici con esperti, ma anche forme nuove di comunicazione, ci poniamo l’obiettivo di sollecitare l’attenzione dei cittadini, di solleticare il loro amor proprio e quello per la loro comunità, impegnandosi a migliorare il livello e la qualità della raccolta differenziata.
Ecco allora che ancora una volta siamo a chiedervi di  restare
attenzione ai gesti quotidiani: dalla scelta di prodotti con poco imballaggio quando si fa la spesa, al corretto  conferimento dei rifiuti che, è bene ricordarlo,  non sono una calamità naturale, ma sono il risultato delle nostre scelte, del
nostro stile di vita.
Differenziare correttamente – e questo è un gesto che si può fare solo presso le abitazioni e che non può essere delegato a nessun altro – è un’assunzione di responsabilità che consente di fare diventare i rifiuti materie prime e  seconde, permette una riduzione dell’inquinamento atmosferico e contribuisce ad un mondo più pulito.
Nel corso della campagna saranno coinvolte le scuole, le associazioni, i piccoli e i grandi esercizi commerciali, perché la
migliore campagna pubblicitaria è quella del passaparola. Quella in cui chi conosciamo, stimiamo, amiamo, ci chiede
di fare qualcosa per sé e per tutti; parafrasando alcuni slogan della campagna:
solo un “piccolo cambiamento che può fare una grande differenza” per essere, come vogliamo essere “comunità
con la coscienza pulita
”.
 

Comunicato stampa:
"Rifiuti, al via la campagna di comunicazione
"
San Lazzaro, Ozzano e Castenaso promuovono campagna informativa per sensibilizzare i cittadini a differenziare di più e meglio i rifiuti. 

RICICLA – da cosa nasce cosa” è lo slogan della nuova campagna promossa dai Comuni di Castenaso, Ozzano dell’Emilia e San Lazzaro di Savena per sensibilizzare i cittadini a differenziare di più e meglio i rifiuti.

La campagna ha come simbolo un segno che richiama l’infinito perché con il vetro usato si può fare del vetro nuovo, e dopo averlo usato si può fare altro vetro nuovo e così via, riciclando senza fine e questo vale anche per l’alluminio, la carta, gli oggetti di plastica, per non parlare dei rifiuti organici che diventano ottimo compost.

Attualmente le percentuali di raccolta differenziata sono attestate tra un 42 e un 47%, ma ci sono ampi margini di miglioramento. L’importante è prestare attenzione ai gesti quotidiani: dalla scelta di prodotti con poco imballaggio quando si fa la spesa, al corretto conferimento dei rifiuti.

Differenziare correttamente – e questo è un gesto che si può fare solo presso le abitazioni e che non può essere delegato a nessun altro – è un’assunzione di responsabilità che consente di fare diventare i rifiuti materie prime e seconde, permette una riduzione dell’inquinamento atmosferico e contribuisce ad un mondo più pulito.

La campagna utilizza un linguaggio, testuale e visivo, leggero e diretto, ironico e accattivante, strumenti tradizionali come locandine e pieghevoli informativi, incontri pubblici con esperti, laboratori didattici, flash mob nei negozi, incontri con i cittadini e installazioni nelle piazze che si terranno nei tre Comuni tra febbraio e marzo.


Approfondimenti:
Informazioni sullo smaltimento dei rifiutilogo rifiutologo
- "Che fine fanno i rifiuti?"

Locandine della campagna pubblicitaria:
- vetro
- organico 
lattine 

- "Oli esausti e rifiuti elettrici"

archiviato sotto:
Newsletters


formato HTML
Text
Archivio