Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Comune di CastenasoCittà di Castenaso

Strumenti personali

This is SunRain Plone Theme

Sezioni

Tu sei qui: Home / Notizie / 2013 / ABROGAZIONE DEL PAGAMENTO DEL SALDO IMU 2013, CON SCADENZA 16 DICEMBRE, PER ALCUNE CATEGORIE DI IMMOBILI

ABROGAZIONE DEL PAGAMENTO DEL SALDO IMU 2013, CON SCADENZA 16 DICEMBRE, PER ALCUNE CATEGORIE DI IMMOBILI

creato da Castenaso admin ultima modifica 11/12/2013 10:00

IL DECRETO LEGGE 133 DEL 30 NOVEMBRE 2013 HA ABROGATO IL PAGAMENTO DEL SALDO IMU 2013, CON SCADENZA 16 DICEMBRE, PER LE SEGUENTI CATEGORIE DI IMMOBILI:

1. Abitazioni principali e relative pertinenze (esclusi i fabbricati classificati nelle categorie A1, A8 e A9), le unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibite ad abitazione principale e relative pertinenze dei soci assegnatari, nonchè gli alloggi regolarmente assegnati dagli Istituti autonomi per le case popolari (IACP) o dagli enti di edilizia residenziale pubblica comunque denominati aventi le stesse finalità degli IACP istituiti in attuazione dell'art 93 del DPR 616/1977;

2. gli immobili di cui all'articolo 4, comma 12-quinquies del decreto-legge 2 marzo 2012, n. 16, convertito, con modificazioni, dalla legge 26 aprile 2012, n. 44 (“abitazione principale e relative pertinenze ex coniuge assegnatario);

3. gli immobili di cui all'articolo 2, comma 5, del decreto-legge del 31 agosto 2013, n. 102, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 ottobre 2013, n. 124 (“immobili personale in servizio comparto sicurezza”);

4. i terreni agricoli, nonche' quelli non coltivati, di cui all'articolo 13, comma 5, del decreto-legge n. 201 del 2011, posseduti e condotti dai coltivatori diretti e dagli imprenditori agricoli professionali iscritti nella previdenza agricola;

5. i fabbricati rurali ad uso strumentale di cui all'articolo 13, comma 8, del decreto-legge n. 201 del 2011.

La suddetta agevolazione non si applica per i terreni agricoli e per i fabbricati rurali diversi rispettivamente da quelli di cui ai precedenti punti 4) e 5).